L’ultima vacanza perfetta – The last perfect holiday

Di: giusepe

Mar 4 PM

Categoria: Life, Thailand, Travel

2 commenti

Apertura:f/13
Lunghezza focale:35mm
ISO:100
Otturatore:1/250 s
Fotocamera:Canon EOS Kiss Digital X

Penso che ormai sono già troppo vecchio per posti come Phi Phi Island.

Ho aspettato troppo per scoprire uno dei posti più turistici di tutta la Thailandia, se non il più turistico, e, non negandone l’indubbia bellezza, penso che non faccia più per me. Gruppi di ragazzini, teenager, senza ancora troppi peli ma già con troppi muscoli, girano, di giorno, a torso nudo per le stradine di Phi Phi, nelle quali le poche, ma troppe, biciclette che passano sono usate solo da thai. Mentre di notte, li sento e me li immagino ballare, ubriachi, nei bar di una Loh Dalam Bay che di sera si prosciuga e che malinconicamente rimanda alla paura e alla desolazione dello tsunami che ha colpito queste coste nel 2004.

Dan, la simpatica thai che ci ha affittato un bungalow per due notti, ci spiega che lei non si accorse di nulla, essendo in barca in mare aperto, ma che l’effetto fu devastante. Oggi non sono tante le foto rimaste e, a sentire il rimbombare della musica tecno proveniente dalla Loh Dalam, nemmeno la voglia di ricordare sembra essere rimasta. Si va avanti, comprensibilmente, cosicché anche Phi Phi sembra aver raggiunto i livelli di Ko Phangan, Ko Samui, Pattaya o la famosa Patong Beach a Phuket, vista due giorni prima, per quanto riguarda la vita notturna e ristoranti, bar e negozi dedicati più a farang che ai thai.

C’è da dire, comunque, che la famosissima Maya Bay è effettivamente “la spiaggia”, intesa come una delle spiagge più belle che ci siano al mondo, a patto che veniate qui prima di tutti, prima delle 9 o 10 di mattina quando la maggior parte delle barche inizia ad arrivare. C’è ancora chi tenta di rivivere l’illusione del paradiso terrestre che il film “The Beach” ha tentato di dare all’isola, con gruppi di turisti che si fanno fare la foto che Di Caprio riceve per email alla fine del film; con l’opportunità di dormire in campeggio su quella che dovrebbe rimanere un’isola incontaminata, a parere mio; o chi decide di dormire nella camera numero 12 dell’On On Hotel, nella realtà a Phuket Town, invece che a Khao San Road.

Una Phuket Town estremamente piacevole, per le sue strade piene di shophouse, ristoranti locali in case vecchie 100 anni e caffè e guesthouse deliziosamente arredati. Ci sono spiagge migliori di Phuket in Thailandia, certo, ma io sono dell’idea che, con un bell’alberghino non troppo caro in cui dormire, un paio di buoni ristoranti in cui mangiare e un paio di spiagge in cui passare le giornate, ogni vacanza può essere perfetta. Krabi, da questo punto di vista, dormendo da Chan Cha Lay, facendo colazione dal vicino Relax Coffee e con un day trip a Railey Beach, è stata la perfetta conclusione della nostra settimana, nonché, presumo, la nostra ultima vacanza in due in Thailandia.

 

I think I’m already too old for places such as Phi Phi Island.

I waited too much to discover one of the most touristic sights in Thailand, if not the most touristic one, and, without denying its undoubted beauty, I think that it’s not anymore suitable for me. Groups of kids, teenagers, still with not much hair but already with a lot of muscles , walking around, in day time, half naked on the small streets of Phi Phi Island, where the few, but too many, bicycles pass by, driven only by the Thai. While in night time, I heard them and I imagined them dancing, drunk, in the bars of Loh Dalam Bay which is completely drained by night and gloomily recalls the fear and the desolation of the 2004’s tsunami.

Dan, the funny Thai lady who rent us our bungalow for two nights, explained that she didn’t see any of it, having been out at the open sea when it happened, but that the effects were devastating. Today there aren’t so many pictures left and, listening the  rumble of techno music coming from Loh Dalam, not even the will to remember seems to persist. Let’s move further on, understandably, and by doing so also Phi Phi seems to quickly reach the standards of Ko Phangan, Ko Samui, Pattaya or the famous Patong Beach in Phuket, that we visited two days before, at least regarding night life, restaurants, bars and shops put there more for the farang than the Thais.

I have to say anyway that the must-see Maya Bay is indeed “the beach”, meant as one of the most beautiful beaches in the world, provided that you arrive there before everybody else,before 9 or 10 in the morning, when the majority of the long tail boats begin to show up. There’s still who is trying to recreate the Paradise on earth that the movie “The Beach” tried to do with the island, with groups of tourists that take the same picture that Di Caprio received by email at the end of the film; with the opportunity to camp in what should stay an uncontaminated island, from my point of view; or who decides to sleep in the room number 12 of the On On Hotel, in reality in Phuket Town, and not in Khao San Road as suggested in the film.

An extremely pleasant Phuket Town, with its streets filled with picturesque shophouses, local restaurants located in 100-years-old buildings and cozy coffeeshops and nicely furnished guesthouses. There are better beaches than what Phuket offers in Thailand, of course, but I personally think that, with a nice and not expensive hotel where to sleep, a couple of good restaurants where to dine and a couple of beaches where to spend your days, every holiday can be perfect. Krabi, from this point of view, having slept in Chan Cha Lay, eating  breakfast at the Relax Coffee nearby and making a day trip to Railey Beach, was the perfect conclusion of our week, as well as our last holiday, I presume, that the two of us got to spend alone in Thailand.

Annunci

2 commenti su “L’ultima vacanza perfetta – The last perfect holiday”

  1. […] la nostra ultima vacanza in due in Thailandia.Fonte : Giusepe’s WeblogTag : ThailandiaContinua Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized. Includi tra i preferiti il permalink. […]

  2. Ciao Giuse,
    che bella Phi Phi Island….. mi tornano in mente dei bei giorni di relax e spiagge almeno quando ci sono stato io non c’era confusione da rave party, anzi tutt’altro. Anche se devo dire che i turisti non mancavano…….. caspita ma ti sei fatto portare a Bamboo Island….. un’acqua spettacolare!
    Che bella Phi Phi
    Ciao!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: